Logo Regione Emilia-Romagna
Logo dell'Università di Bologna: Alma mater studiorum, Università di Bologna, Dipartimento di Paleografia e Medievistica. Logo del Servizio Geologico, Sismico e dei Suoli

Castelli dell'Emilia-Romagna: Censimento e schedatura

Introduzione

La Banca Dati sui Castelli dell’Emilia Romagna realizza il censimento attraverso le fonti edite di tutti i castelli della Regione giunti fino a noi e/o scomparsi menzionati dalle fonti bibliografiche, con la loro individuazione, la descrizione del loro stato attuale e la segnalazione delle fonti che ne hanno tramandato la storia, con una specifica scheda per ogni castello, ogni fonte ed ogni evento.

Sanguinaro

Comune:
NOCETO (PR)
Località:
Sanguinaro
Toponimo:
Condizione:
Scarsa (rudere)
Manutenzione:
dato non inserito
Precisione dell'ubicazione:
Sicura
Informazioni turistiche:
dato non inserito

Informazioni storiche

1189

L'imperatore Federico I Barbarossa investe il marchese Oberto Pelavicino dei diritti sul castello di Sanguinaro.

1198

Il comune di Parma inizia la costruzione del castello di Sanguinaro.

1198

Il governo della città di Parma fa costruire il castello di Sanguinaro per domare i ribelli Borghigiani.

1218

Conclusasi la battaglia con i soldati parmigiani e i cremonesi, le truppe milanesi, durante la fuga, danneggiano il castello di Sanguinaro.

1219

I soldati inviati dal governo di Piacenza distruggono il castello di Sanguinaro.

1219

I soldati inviati dalla città di Piacenza distruggono il castello ed il borgo di Sanguinaro.

1227

Torello de Strada, podestà di Parma, inizia a costruire Castel Torelli contro Borgo San Donnino, ma poiché i borghigiani accettano di dipendere da Parma, desiste dalla costruzione.

1227

E' di nuovo podestà di Parma messer Torello de Strada di Pavia. E allora "si comincia a costruire Castel Torelli contro Borgo San Donnino, per il motivo che gli abitanti di Borgo rifiutano sottomissione ai Parmigiani".

1227

Sotto Torello de Strada è "cominciato Castel Torelli, sulla strada che va a Borgo San Donnino. Ma poiché quelli di Borgo si sottomettono all'autorità del comune di Parma, "per questo i Parmigiani desistono dall'opera iniziata?".

1249

L'imperatore Federico II investe il marchese Oberto Pallavicino del castello di Sanguinaro.

10 settembre 1314

Le truppe di Giberto da Correggio assediano il castello di Sanguinaro e lo conquistano.

1322

Gli armati del ramo dei Pallavicino di Scipione, con un'incursione fulminea, attaccano il castello di Sanguinaro e lo danno alle fiamme.

1347

Giberto da Gente ordina al podestà di Parma di mantenere e difendere i fortilizi di Mariano oltre a quelli di Taro, Torricella, Castel della Croce, Guardanavona oltr'Enza, Serravalle, Castel Torello e delle torri di Copermio e Coenzo.

1477

Castel Torello sorge nel luogo chiamato "Basse della Parola". Il luogo è citato nello "Orlando Furioso" dell'Ariosto nel canto 27 stanza 47.

1494

Il castello si trova nelle vicinanze della villa di Rio Sanguinario o di Resanguinario o Sanguinara. Gli statuti ordinano al podestà di Parma di difenderne il castello.