Logo Regione Emilia-Romagna
Logo dell'Università di Bologna: Alma mater studiorum, Università di Bologna, Dipartimento di Paleografia e Medievistica. Logo del Servizio Geologico, Sismico e dei Suoli

Castelli dell'Emilia-Romagna: Censimento e schedatura

Introduzione

La Banca Dati sui Castelli dell’Emilia Romagna realizza il censimento attraverso le fonti edite di tutti i castelli della Regione giunti fino a noi e/o scomparsi menzionati dalle fonti bibliografiche, con la loro individuazione, la descrizione del loro stato attuale e la segnalazione delle fonti che ne hanno tramandato la storia, con una specifica scheda per ogni castello, ogni fonte ed ogni evento.

Castello Zibello

Comune:
ZIBELLO (PR)
Località:
Zibello
Toponimo:
Condizione:
Nulla (traccia storica)
Manutenzione:
dato non inserito
Precisione dell'ubicazione:
Approssimata
Informazioni turistiche:
dato non inserito

Informazioni storiche

1 maggio 1515

Rolando, Bernardino, Galeazzo Pallavicini cingono d'assedio per due mesi la rocca di Zibello: a luglio ne entrano in possesso.

23 settembre 1521

La marchesa Caterina Pallavicino, a nome suo e del cognato, al sopraggiungere delle truppe francesi del Lautrech consegna le chiavi della rocca di Zibello a Iacopino Quinzani, abitante del luogo.

1832

Le fondamenta del torrione di Zibello che ancora rimane in piedi e le fondamenta degli altri tre dimostrerebbero l'origine romana della fortezza, costruita forse dal pretore di Cremona Marco Bruto.

Si ritiene che il torrione abbia un'altezza di più di 100 metri.

12 giugno 1844

Il castello di Zibello viene distrutto ed i materiali ricavati portati a Stagno: le pietre dovevano servire per le fondamenta di una diga che non è mai stata iniziata.