Logo Regione Emilia-Romagna
Logo dell'Università di Bologna: Alma mater studiorum, Università di Bologna, Dipartimento di Paleografia e Medievistica. Logo del Servizio Geologico, Sismico e dei Suoli

Castelli dell'Emilia-Romagna: Censimento e schedatura

Introduzione

La Banca Dati sui Castelli dell’Emilia Romagna realizza il censimento attraverso le fonti edite di tutti i castelli della Regione giunti fino a noi e/o scomparsi menzionati dalle fonti bibliografiche, con la loro individuazione, la descrizione del loro stato attuale e la segnalazione delle fonti che ne hanno tramandato la storia, con una specifica scheda per ogni castello, ogni fonte ed ogni evento.

Castello Castelguelfo

Comune:
NOCETO (PR)
Località:
Castelguelfo
Toponimo:
Condizione:
Buona (integro)
Manutenzione:
dato non inserito
Precisione dell'ubicazione:
Sicura
Informazioni turistiche:
dato non inserito

Informazioni storiche

1407

Anticamente di Antonio da Correggio, Castelguelfo passa ad Orlando Pallavicino, da cui prende il nome di torre di Orlando o torre dei Marchesi. Difesa da Orlando e dai ghibellini, viene assediata e presa dalle truppe di Otto Terzi che ne cambia il nome in Castelguelfo.

1407

Ottobuono Terzi conquista il castello di Castelguelfo e, in spregio ai ghibellini sconfitti, lo chiama "castrum Guelfum".

1407

Ottobono Terzi, grazie all'aiuto di Gian Galeazzo Visconti, conquista il castello di Castelguelfo.

14 giugno 1407

Ottobuono Terzi assedia la torre di Rolando Pallavicino detta "de' Marchesi" già appartenuta a Antonio da Correggio e, dopo venti giorni, la conquista modificandone il nome in "Castelguelfo".

Il Terzi fa ripristinale la cerchia delle mura danneggiata dalle bombarde e dipingere i gigli sulle merlature che prima avevano le aquile.

14 giugno 1407

Ottobuono Terzi assedia il castello e lo appella Castelguelfo in onta alla fazione contraria.

16 giugno 1407

Ottobono Terzi, al comando delle milizie guelfe, penetra nella rocca di Castelguelfo nonostante tutte le difese ideate da Orlando Pallavicino.

16 giugno 1407

Ottobuono Terzi conquista la rocca di Castelguelfo.

20 giugno 1407

Ottobono Terzi pone l'assedio alla torre di Sinibaldo e riesce ad espugnarla.

10 settembre 1409

Giovanni Terzi, con centocinquanta cavalli, si reca nelle vigne di Codiponte a Parma e si impadronisce di sessanta buoi e molti prigionieri che conduce a Castelguelfo.

6 dicembre 1409

Giovanni Scotti presidia il castello di Castelguelfo con l'intenzione di conquistarlo, ma il tentativo non riesce.

6 dicembre 1409

Giovanni Scotti, opposto a Jacopo Terzi, presidia Castelguelfo.

17 marzo 1410

Orlando Pallavicino fa arrestare in Borgo San Donnino Breda Castiglioni, vescovo di Piacenza e legato pontificio, allo scopo di estorcere denaro attraverso il riscatto con il quale muovere guerra contro chi occupa Castelguelfo.

23 aprile 1410

Ferro da San Felice attacca il castello di Castelguelfo che si arrende.

23 aprile 1410

I reggitori di Parma pongono l'assedio a Castelguelfo, occupato da Giovanni Scotti, entrandovi dopo aver patteggiato salva la vita degli occupanti.

25 aprile 1410

Ferro da San Felice, capitano degli Estensi, prende Castelgulefo a Giovanni Scotti che aveva conquistato il castello l'anno precedente.

1416

Niccolò III d'Este dispone che Uguccione dei Contrari ceda il castello di Castelguelfo a Gian Martino Sanvitale a ricompensa della perdita di Noceto.

1416

Martino Sanvitale ottiene la rocca di Castelguelfo in cambio di Noceto.

1416

Il castello di Castelguelfo passa ai Sanvitale.

Apparterrà in seguito ai Farnese che lo donano a Giacomo Gaufridi; poi passerà ad Odoardo Scotti di Vigoleno.

1416

Uguccione Contrario consegna Castelguelfo a Gianmartino Sanvitale come compenso per la perdita di Noceto.

1416

Gianmartino Sanvitale entra in possesso del castello di Castelguelfo.

Il castello rimarrà alla famiglia fino agli inzi del XVII secolo.