Logo Regione Emilia-Romagna
Logo dell'Università di Bologna: Alma mater studiorum, Università di Bologna, Dipartimento di Paleografia e Medievistica. Logo del Servizio Geologico, Sismico e dei Suoli

Castelli dell'Emilia-Romagna: Censimento e schedatura

Introduzione

La Banca Dati sui Castelli dell’Emilia Romagna realizza il censimento attraverso le fonti edite di tutti i castelli della Regione giunti fino a noi e/o scomparsi menzionati dalle fonti bibliografiche, con la loro individuazione, la descrizione del loro stato attuale e la segnalazione delle fonti che ne hanno tramandato la storia, con una specifica scheda per ogni castello, ogni fonte ed ogni evento.

Castello Guardasone

Comune:
TRAVERSETOLO (PR)
Località:
Castello di Guardasone
Toponimo:
Guarda Azzonis-Guarda zò
Condizione:
Buona (integro)
Manutenzione:
dato non inserito
Precisione dell'ubicazione:
Sicura
Informazioni turistiche:
dato non inserito

Informazioni storiche

1449

Il poeta Basinio combatte a Guardasone durante l'assedio dlle truppe di Francesco Sforza.

1 ottobre 1449

La rocca di Guardasone si arrende all'assedio delle truppe di Alessandro Sforza.

24 ottobre 1449

Alessandro Sforza assale con le sue truppe la fortezza di Guardasone e la costringe alla resa dopo un lungo assedio.

1466

Il duca di Milano concede il castello di Guardasone in feudo a Vitaliano e Giovanni Borromei i quali nominano propri magistrati per dirimere le controversie degli uomini di quella terra.

1466

Gli Sforza vendono il castello di Guardasone ai conti Giovanni e Vitaliano Borromei-Arese.

1483

Ambrosina Borromeo, moglie di Guido Rossi, finge di essere fuggita dal marito per entrare nel castello di Guardasone e riprenderlo, ma il castellano non la fa entrare. Sdegnata fa bruciare alcune case che vi sono intorno.

1526

I Lanzichenecchi riescono ad entrare nel castello di Guardasone e lo mettono a ferro e fuoco.

1548

Le milizie di Ottavio Farnese muovono all'attacco del castello di Guardasone e lo assediano.

1558

Le truppe del duca Ercole II d'Este e di Cornelio Bentivoglio occupano il castello di Guardasone; le truppe di Ottavio Farnese sono in seria difficoltà.

18 marzo 1558

Il duca Ottavio Farnese riconquista con le sue truppe il castello di Guardasone che aveva subito l'assedio del duca di Ferrara.

Prima metà del XIX secolo

Il castello di Guardasone è venduto alla famiglia Medici che, a sua volta, lo cederà a Giambattista Rondani.

1 giugno 1804

Il castello di Guardasone è rovinato da secoli, ma è possibile vedere i resti delle mura e della torre di figura quadrata che si ergeva al centro.

1832

Nella fonte si legge che a Guardasone: "Si vedono i miseri avanzi di un antico castello famoso ai tempi delle fazioni che lo ridussero ad un mucchio di pietre. Dominato dal comune di Parma, passa ai Correggio, ai Terzi ed ai Borromei.