Logo Regione Emilia-Romagna
Logo dell'Università di Bologna: Alma mater studiorum, Università di Bologna, Dipartimento di Paleografia e Medievistica. Logo del Servizio Geologico, Sismico e dei Suoli

Castelli dell'Emilia-Romagna: Censimento e schedatura

Introduzione

La Banca Dati sui Castelli dell’Emilia Romagna realizza il censimento attraverso le fonti edite di tutti i castelli della Regione giunti fino a noi e/o scomparsi menzionati dalle fonti bibliografiche, con la loro individuazione, la descrizione del loro stato attuale e la segnalazione delle fonti che ne hanno tramandato la storia, con una specifica scheda per ogni castello, ogni fonte ed ogni evento.

Roccaprebalza

Comune:
BERCETO (PR)
Località:
Roccaprebalza
Toponimo:
Condizione:
Scarsa (rudere)
Manutenzione:
dato non inserito
Precisione dell'ubicazione:
Sicura
Informazioni turistiche:
dato non inserito

Informazioni storiche

del XIV secolo

Il vescovo Ugolino Rossi permuta il castello di Roccaprebalza a componenti della sua famiglia come risarcimento di un debito contratto.

13 giugno 1370

Il vescovo Ugolino Rossi è costretto a cedere il castello di Roccaprebalza ai nipoti Bertrando e Iacopo che avevano corrisposto, a favore della Mensa vescovile, una somma di diecimila fiorini d'oro.

1400

Papa Bonifacio IX investe della rocca di Roccaprebalza e delle sue dipendenze Pietro, Giovanni e Jacopo Rossi.

9 marzo 1400

Papa Bonifacio IX investe del castello di Roccaprebalza la famiglia Rossi.

9 marzo 1400

Il vescovo Jacopo Rossi ottiene da papa Bonifacio IX la conferma e l'investitura dei castelli di Corniglio, Roccaferrata e della rocca di Pietra Barza, con ogni loro dipendenza.

1464

Pier Maria Rossi lascia nel testamento a Bernardo i castelli di Castrignano, Beduzzo, Pugnetolo, Corniglio, Roccaprebalza, Corniana Antesica e Bosco, mentre a Guido Felino, San Secondo, Bardone, Neviano Rossi, Carona, Miano, Segalara, Roccalanzona e Sant'Andrea oltre Taro.

1482

Bertrando Rossi, figlio legittimato di Pier Maria, entra in possesso della contea di Berceto e di Roccaprebalza lasciatagli dal padre con molte "altre castella".

1666

Il castello di Roccaprebalza passa alla camera ducale di Parma e quindi alla famiglia Boscoli.

13 giugno 1804

Sono visibili solo pochi resti delle mura del castello di Roccaprebalza.