Logo Regione Emilia-Romagna
Logo dell'Università di Bologna: Alma mater studiorum, Università di Bologna, Dipartimento di Paleografia e Medievistica. Logo del Servizio Geologico, Sismico e dei Suoli

Castelli dell'Emilia-Romagna: Censimento e schedatura

Introduzione

La Banca Dati sui Castelli dell’Emilia Romagna realizza il censimento attraverso le fonti edite di tutti i castelli della Regione giunti fino a noi e/o scomparsi menzionati dalle fonti bibliografiche, con la loro individuazione, la descrizione del loro stato attuale e la segnalazione delle fonti che ne hanno tramandato la storia, con una specifica scheda per ogni castello, ogni fonte ed ogni evento.

Alpicella

Comune:
CALESTANO (PR)
Località:
Alpicella
Toponimo:
Condizione:
Nulla (traccia storica)
Manutenzione:
dato non inserito
Precisione dell'ubicazione:
Approssimata
Informazioni turistiche:
dato non inserito

Informazioni storiche

1247

Jacopo Rossi difende il castello di Alpicelle dall'assalto delle truppe dell'imperatore Federico II dirette all'assedio di Parma.

1247

Jacopo Rossi difende il castello di Alpicelle attaccato dalle truppe dell''imperatore Federico II diretto all'assedio di Parma.

1266

Ila fazione dei guelfi sconfigge quella dei ghibellini e distruggono il castello di Alpicelle per il tradimento di Jacopo da Beneceto.

1266

Sconfitti i ghibellini, i guelfi distruggono il castello di Alpicelle per il tradimento di Jacopo da Beneceto.

1267

Il comune di Parma fa distruggere il castello di Alpicelle occupato da forze ghibelline.

1267

Il governo della città di Parma ottiene il possesso del castello di Alpicelle.

1297

Il comune di Parma ordina che il castello di Alpicelle non venga più ricostruito.

1297

Il comune di Parma decreta che il castello di Alpicelle non venga mai più ricostruito.

agosto 1297

Il comune di Parma, dopo la guerra contro Bologna, Ferrara e Reggio Emilia, stabilisce che il castello di Alpicelle, ormai smantellato, debba rimanere tale, che non vi si possa abitare o costruire edifici.

1313

L'imperatore Enrico VII concede l'investitura del castello di Alpicelle ai fratelli Ottobuono e Luca Fieschi.

luglio 1313

L'imperatore Enrico VII dona al cardinale Luca Fieschi ed ai suoi fratelli, Carlo e Ottobono, conti di Lavagna, il castello di Alpicelle.

1630

Il castello di Alpicelle è venduto al conte Camillo Tarasconi.