Logo Regione Emilia-Romagna
Logo dell'Università di Bologna: Alma mater studiorum, Università di Bologna, Dipartimento di Paleografia e Medievistica. Logo del Servizio Geologico, Sismico e dei Suoli

Castelli dell'Emilia-Romagna: Censimento e schedatura

Introduzione

La Banca Dati sui Castelli dell’Emilia Romagna realizza il censimento attraverso le fonti edite di tutti i castelli della Regione giunti fino a noi e/o scomparsi menzionati dalle fonti bibliografiche, con la loro individuazione, la descrizione del loro stato attuale e la segnalazione delle fonti che ne hanno tramandato la storia, con una specifica scheda per ogni castello, ogni fonte ed ogni evento.

Selva Smeralda

Comune:
FORNOVO DI TARO (PR)
Località:
Selva Smeralda
Toponimo:
Condizione:
Discreta (parzialmente integro)
Manutenzione:
dato non inserito
Precisione dell'ubicazione:
Sicura
Informazioni turistiche:
dato non inserito

Informazioni storiche

1409

Ottobono Terzi ottiene il castello di Selva Smeralda.

L'anno successivo il castello passerà nuovamente alla famiglia Rossi.

1409

Ottobuono Terzi assale con le sue truppe il castello di Selva Smeralda e, dopo un lungo assedio, lo conquista.

Subito dopo i Rossi lo recupereranno.

1409

Ottobuono Terzi assedia il castello di Selva Smeralda e se ne impossessa.

1409

Il castello di Selva Smeralda viene assalito e conquistato dalle truppe di Ottobono Terzi.

1425

Ottobuono Terzi, per evitare l'assedio di Neviano Rossi, invita Pietro Rossi a vendergli il castello di Carena con le sue pertinenze, Tiorre e Castrignano al fratello Giovanni Terzi e la Motta di Basilicanova e Mamiano all'altro fratello Giovanni Terzi.

1464

Pier Maria Rossi lascia nel testamento a Bernardo i castelli di Castrignano, Beduzzo, Pugnetolo, Corniglio, Roccaprebalza, Corniana Antesica e Bosco, a Guido quelli di Felino, San Secondo, Bardone, Neviano Rossi, Carona, Miano, Segalara, Roccalanzona e SantAndrea, oltre a quello di Taro.

1500

Il castello di Selva Smeralda è annoverato fra i possedimenti della famiglia parmigiana Smeraldi.

24 febbraio 1552

Nel corso della guerra di Parma, la famiglia degli Smeraldi parteggia per i Farnese: gli imperiali catturano Giovanni Smeraldi rifugiato nel castello di Selva Smeralda.