Logo Regione Emilia-Romagna
Logo dell'Università di Bologna: Alma mater studiorum, Università di Bologna, Dipartimento di Paleografia e Medievistica. Logo del Servizio Geologico, Sismico e dei Suoli

Castelli dell'Emilia-Romagna: Censimento e schedatura

Introduzione

La Banca Dati sui Castelli dell’Emilia Romagna realizza il censimento attraverso le fonti edite di tutti i castelli della Regione giunti fino a noi e/o scomparsi menzionati dalle fonti bibliografiche, con la loro individuazione, la descrizione del loro stato attuale e la segnalazione delle fonti che ne hanno tramandato la storia, con una specifica scheda per ogni castello, ogni fonte ed ogni evento.

San Martino Spino

Comune:
MIRANDOLA (MO)
Località:
San Martino Spino
Toponimo:
Condizione:
Nulla (traccia storica)
Manutenzione:
dato non inserito
Precisione dell'ubicazione:
Sconosciuta
Informazioni turistiche:
dato non inserito

Informazioni storiche

Fine del XII secolo

Il comune di Reggi Emilia fa costruire il castello di San Martino Spino alla fine del XII secolo.

1221

Il castello di San Martino Spino è attestato nell'atto di sottomissione al comune di Reggio Emilia. Risulta essere munito di circha (fossato esterno).

1221

Si costruisce il castello a San Martino Spino.

16 giugno 1252

La curia di San Martino Spino, che risulta avere un proprio castrum, confinava ad ovest con la curia di Gavello, a nord con il territorio mantovano, a sud con il fiume Luce e con il territorio modenese; ad est dal confine con Bondeno.

1346

Obizzo II d'Este promette di far rifabbricare il castello di San Martino Spino a patto che poi rimanesse a sua disposizione.

In Tiraboschi si legge che il castello di San Martino Spino nel frattempo finisce alla famiglia dei Manfredi, con cui gli Estensi vengono a patti per la ricostruzione.

1353

Attestazione della signoria dei Pico della Mirandola su San Martino Spino.

1353

Nella fonte si legge: "Il castello ed il distretto di San Martino in Spino vengono in potere de' Pichi Signori della Mirandola ed il primo ad esserne investito fu Paolo Pico dal vescovo Bartolomeo".

28 giugno 1353

Attestazione di esistenza del castello di San Martino Spino.

28 giugno 1353

Paolo, figlio di Prendiparte, ottiene dal vescovo di Reggio Emilia Bartolomeo d'Asti il "castrum" ed il feudo di San Martino Spino.

1373

Il castello di San Martino Spino è sottratto ai Pedoca dalle truppe della famiglia Pico.