Logo Regione Emilia-Romagna
Logo dell'Università di Bologna: Alma mater studiorum, Università di Bologna, Dipartimento di Paleografia e Medievistica. Logo del Servizio Geologico, Sismico e dei Suoli

Castelli dell'Emilia-Romagna: Censimento e schedatura

Introduzione

La Banca Dati sui Castelli dell’Emilia Romagna realizza il censimento attraverso le fonti edite di tutti i castelli della Regione giunti fino a noi e/o scomparsi menzionati dalle fonti bibliografiche, con la loro individuazione, la descrizione del loro stato attuale e la segnalazione delle fonti che ne hanno tramandato la storia, con una specifica scheda per ogni castello, ogni fonte ed ogni evento.

Castel Leone

Comune:
GAGGIO MONTANO (BO)
Località:
M. Castello
Toponimo:
Condizione:
Scarsa (rudere)
Manutenzione:
dato non inserito
Precisione dell'ubicazione:
Sicura
Informazioni turistiche:
dato non inserito

Informazioni storiche

1215

Ubertino di Bizzo rinuncia ai suoi diritti di proprietà sulle terre ed i castelli di Granaglione, Castel Leone e Succida a favore del comune di Pistoia e si impegna a fare guerra contro i nemici della città.

1227

Il governo della città di Bologna avvia una politica di fortificazione dei punti strategici del proprio contado e fonda alcuni borghi franchi: ordina l'edificazione, fra gli altri, di Castel Leone dove devono risiedere le popolazioni di Gaggio e rocca Pitigliana.

1230

Il comune di Bologna fonda il castello di Castel Leone come borgo franco.

NOTIZIA DA VERIFICARE.

1230

Viene costruito il castello di Castel Leone ed il vescovo Enrico concede al comune di Bologna il giuspatronato della chiesa di San Giacomo da costruirsi nel castello.

11 novembre 1230

Gerardo, arciprete di Pitigliano, cede a Pagano di Pietrasanta, podestà di Bologna, ogni diritto di giurisdizione della sua pieve in "Castrum Leone".

17 novembre 1230

Mentre si costruisce il castello di Castel Leone il vescovo di Bologna consegna al podestà la pietra benedetta per la consacrazione della chiesa di San Giacomo.

7 novembre 1233

Il comune di Bologna, cui spetta il patronato della chiesa di Castel Leone, ne elegge il rettore, quindi probabilmente la chiesa era terminata.

13 aprile 1245

Sentenza su quali terre abbiano un privilegio indubitabile e non paghino le collette: Castelleone non ha il privilegio.

1265

Vengono istituiti i capitanati della montagna con sedi in Castel Leone, Castel di Casio e Scaricalasino.

30 gennaio 1269

Un atto è rogato in "Castro Leone in porticu cassari dicti castri".

1272

In un documento un "locum qui dicitur Romegnano" è "in curia castri Leonis in villa Gagii".

1275

Il conte Guido da Montefeltro e le truppe della famiglia Lambertazzi fuoriuscita da Bologna prendono alcuni castelli del bolognese, tra cui Castel Leone, Sesto, Vizzano, Loiano e Bisano.

1275

Il castello di Castel Leone è preso dai Lambertazzi.

1276

Riccardo di Duro Forte, podestà di Bologna, riprende Castel Leone.

1276

I soldati del comune di Bologna assediano il castello di Castel Leone che è in mano ai Lambertazzi.

Inizio del XIV secolo

Il castello di Castel Leone viene diroccato e la podesteria trasferita a rocca Pitigliana.