Logo Regione Emilia-Romagna
Logo dell'Università di Bologna: Alma mater studiorum, Università di Bologna, Dipartimento di Paleografia e Medievistica. Logo del Servizio Geologico, Sismico e dei Suoli

Castelli dell'Emilia-Romagna: Censimento e schedatura

Introduzione

La Banca Dati sui Castelli dell’Emilia Romagna realizza il censimento attraverso le fonti edite di tutti i castelli della Regione giunti fino a noi e/o scomparsi menzionati dalle fonti bibliografiche, con la loro individuazione, la descrizione del loro stato attuale e la segnalazione delle fonti che ne hanno tramandato la storia, con una specifica scheda per ogni castello, ogni fonte ed ogni evento.

Rocca San Casciano

Comune:
ROCCA SAN CASCIANO (FC)
Località:
Rocca San Casciano
Toponimo:
Condizione:
Discreta (parzialmente integro)
Manutenzione:
dato non inserito
Precisione dell'ubicazione:
Sicura
Informazioni turistiche:
dato non inserito

Informazioni storiche

Dal 900 al 902

Quando Forlì viene presa dai soldati bolognesi molte famiglie se ne vanno definitivamente dalla città: i Calboli si ritirano nei loro castelli tra i quali anche Rocca San Casciano.

910

Il castello di Rocca San Casciano è soggetto alla famiglia dei Calboli.

1230

Il vescovo di Forlimpopoli raccomanda alcuni castelli di sua giurisdizione, tra i quali anche la rocca di San Casciano, al comune di Faenza.

1230

La chiesa forlimpopolese lascia il castello di Rocca San Casciano a Firenze.

1230

Il vescovo mette il castello di Rocca San Casciano sotto la protezione del comune di Faenza.

1315

Il castello di Rocca San Casciano è soggetto ad Alighiero de' Calboli.

1361

Il castello di Rocca San Casciano viene vanamente assediato da Giovanni Manfredi.

1361

Il castello di Rocca San Casciano è vanamente assediato dalle truppe di Giovanni Manfredi.

1371

Il castello di Rocca San Casciano è soggetto a Francesco de' Calboli.

Vedi la "Descriptio Romandiole" del cardinale Anglic.

1371

Nella fonte si legge: "Castrum Rocche Sancti Cassiani habet roccham et turrim fortem; tenet Franciscus de Calbulo sub certo censu seu affictu a domino episcopo Bretenoriensi, ad quem de iure pertinet. In quo castro sunt focularia XL".

4 aprile 1381

Francesco de' Calboli si accomanda a Firenze con il castello di Rocca San Casciano.

luglio 1382

Francesco de' Calboli lascia in eredità il castello di Rocca San Casciano a Firenze.

luglio 1382

Francesco de' Calboli lascia in eredità il castello di Rocca San Casciano a Firenze.

luglio 1382

Francesco de' Calboli lascia in eredità il castello di Rocca San Casciano a Firenze.

luglio 1382

Francesco de' Calboli lascia in eredità il castello di Rocca San Casciano a Firenze.

7 agosto 1382

Francesco de' Calboli lascia il castello di Rocca San Casciano in eredità a Firenze.

7 agosto 1382

Francesco de' Calboli lascia il castello di Rocca San Casciano in eredità a Firenze.

27 agosto 1382

Formale sottomissione del castello di Rocca San Casciano a Firenze.

27 agosto 1382

Il castello di Rocca San Casciano si sottomette a Firenze.

28 agosto 1382

Stesura dei capitoli di sottomissione di Rocca San Casciano a Firenze.

Galleria fotografica dell'archivio storico di Gianfranco Fontana