Logo ER

Archivio Storico delle Frane

L'archivio storico delle frane raccoglie informazioni sulle date di attivazione/riattivazione di frane con relativa localizzazione, in un intervallo di tempo che va dal Medioevo sino ad oggi.

Per ogni evento sono riportate, ove disponibili, informazioni relative alla tipologia della frana, alla sua dimensione, a eventuali effetti sul territorio.

Per il corretto utilizzo dei dati disponibili si invita alla lettura delle Condizioni di utilizzo dei dati

ID 202429

 

12 eventi di frana

Casa Gamma - Fosso Moranda Minello

Inquadramento
  • Superficie totale: 17.04 ettari
  • Comune di POLINAGO - Provincia di Modena
Carta inventario delle frane
  • Quadro di unione per il comune di POLINAGO [PDF]
Localizzazione frana storica e Carta del dissesto

Glossario [pdf]
12. Evento del 2013
  • Data: 16/03/2013  [breve periodo certo (1-7gg)]
  • Descrizione:
    Parziale riattivazione della frana che minaccia la località di Casa Gamma. La strada di accesso alla suddetta località è stata interrotta in prossimità delle case impedendo l'accesso. [Localizzazione: Verificata da documentazione tecnica]
  • E' presente documentazione presso il Servizio Geologico, Sismico e dei Suoli.
11. Evento del 2009
  • Data: 20/05/2009  [breve periodo certo (1-7gg)]
  • Descrizione:
    Riattivazione ed ampliamento di frana attiva preesistente. Segnalato pericolo per l'abitato di casa Gamma e gravi danni al T. Rossenna a valle di Ponte Minello. [Localizzazione: Verificata da documentazione tecnica]
  • Cause innesco: piogge intense
  • E' presente documentazione presso il Servizio Geologico, Sismico e dei Suoli.
10. Evento del 2004
  • Data: 04/11/2004  [breve periodo certo (1-7gg)]
  • Descrizione:
    Aggravamento movimento framoso in località Fosso Moranda. Segnalazione ribadita. [Localizzazione: Buona approssimazione]
9. Evento del 2004
  • Data: 17/09/2004  [breve periodo certo (1-7gg)]
  • Descrizione:
    Movimento franoso in località Fosso Moranda causa grave pericolo per la stabilità e viabilità sul corpo si frana. [Localizzazione: Buona approssimazione]
8. Evento del 2002
  • Data: 08/12/2002  [giorno certo]
  • Descrizione:
    Sponda destra del T. Rossenna, subito a valle della confluenza con il T. Cogorno. Pendio a sud-ovest sottostante l'insediamento Le Coste. Parte inferiore del versante. Il movimento attivato il 6 Dicembre evolve in una fase parossistica nelle notte fra l'8 e il 9 Dicembre che causa un'ulteriore traslazione di massa lungo il versante. Il corpo di frana si amplia nella porzione di versante sottostante interessando la parte a valle del movimento precedente. Il corpo di frana raggiunge il fondovalle. Anche in questo caso si tratta di uno scivolamento rotazionale probabilmente con una componente traslativa nel settore inferiore. L'avanzamento del fronte di frana determina il 9 dicembre la chiusura della strada intercomunale Gombola - Minello in prossimità del Fosso Moranda. Frana attiva. Sconvolgimento di un ampio tratto di versante a monte della strada delle Coste, con formazione di ondulazioni e contropendenze. Il settore inferiore del corpo di frana raggiunge e interessa l'alveo del T. Rossenna dove si verifica un sensibile restringimento della sezione di deflusso. La deviazione della corrente determina una rilevante azione erosiva verso la sponda sinistra. La parziale ostruzione dell'alveo del T. Rossenna comporta anche la formazione di un piccolo invaso temporaneo (dimensioni indicative: L = 100 m, l = 10-30 m). La sezione di deflusso è ridotta a circa 3 m, e viene mantenuta costantemente aperta con mezzi meccanici. [Localizzazione: Buona approssimazione]
  • Dimensioni del fenomeno: Dimensioni complessive del corpo di frana mobilizzatosi il 6-9 dicembre: L = 750 m, l max = 250 m, l min = 115 m, l accumulo = 350 m, A = 0.014 km2.
  • Cause innesco: Elevati apporti idrici relativi a piogge intense e prolungate del periodo Novembre - prima settimana Dicembre 2002.
  • E' presente documentazione presso il Servizio Geologico, Sismico e dei Suoli.
7. Evento del 2002
  • Data: 30/11/2002  [giorno certo]
  • Descrizione:
    Sponda destra del T. Rossenna, subito a valle della confluenza con il T. Cogorno. Pendio a sud-ovest sottostante l'insediamento Le Coste. Parte superiore del versante. Rimobilizzazione in massa del movimento presente nel settore superiore del versante, al di sopra della strada comunale delle Coste. In questo settore la tipologia dei movimenti è riferibile molto probabilmente a scivolamenti di tipo rotazionale e/o traslativo. Infatti, un tratto della sede stradale viene spostata verso valle di una ventina di metri senza essere distrutta. La prima segnalazione della frana è del 30 novembre, mentre la fase parossistica dei movimenti si verifica il 6 dicembre. L'avanzamento del fronte di frana determina il 7 dicembre la chiusura della strada intercomunale Gombola - Minello - Monteforco in località Monticino. Frana attiva. Sconvolgimento di un ampio tratto di versante a monte della strada delle Coste, con formazione di ondulazioni e contropendenze che consentono la formazione di piccoli invasi nell'ambito del corpo di frana. I due invasi di maggiori dimensioni, localizzati a monte della strada delle Coste, presentano lunghezza di 30 - 50 m e larghezza di 20 - 30 m. [Localizzazione: Buona approssimazione]
  • Dimensioni del fenomeno: L = 350 m, l max = 250 m, l min = 150 m, A = 0.07 km2.
  • Cause innesco: Elevati apporti idrici relativi a piogge intense e prolungate del periodo Novembre - prima settimana Dicembre 2002.
  • E' presente documentazione presso il Servizio Geologico, Sismico e dei Suoli.
6. Evento del 2000
  • Data: novembre 2000  [precisione mensile]
  • Descrizione:
    Sponda destra del T. Rossenna, subito a valle della confluenza con il T. Cogorno. Pendio a sud-ovest sottostante l'insediamento Le Coste. Parte superiore del versante. Rimobilizzazione in massa del corpo di frana presente lungo l'impluvio del Fosso Moranda. Il movimento interessa un esteso tratto del versante alla base della località Le Coste. Frana attiva estesa sino all'alveo del T. Rossenna. Sconvolgimento assetto morfologico dell'asta drenante e del bacino, con formazione di contropendenze e zone di ristagno idrico. Ostruzione delle linee di drenaggio. Alterazione dei deflussi idrici superficiali e sotterranei. Situazione di pericolosità per la possibile interferenza con il corso del T. Rossenna. Una rimobilizzazione in massa della frana comporterebbe l'ostruzione dell'alveo. [Localizzazione: Buona approssimazione]
  • Cause innesco: Elevati apporti idrici relativi alle precipitazioni del periodo precedente.
  • E' presente documentazione presso il Servizio Geologico, Sismico e dei Suoli.
5. Evento del 1992
  • Data: primavera 1992  [indicazione della stagione]
  • Descrizione:
    Sponda destra del T. Rossenna, subito a valle della confluenza con il T. Cogorno. Pendio a sud-ovest sottostante l'insediamento Le Coste. Parte superiore del versante. Rimobilizzazione in massa del corpo di frana presente lungo l'impluvio del Fosso Moranda. Il movimento interessa un esteso tratto del versante alla base della località Le Coste. Frana attiva estesa sino all'alveo del T. Rossenna. Sconvolgimento assetto morfologico dell'asta drenante e del bacino, con formazione di contropendenze e zone di ristagno idrico. Ostruzione delle linee di drenaggio. Alterazione dei deflussi idrici superficiali e sotterranei. Situazione di pericolosità per la possibile interferenza del piede del movimento con il corso del T. Rossenna. Una rimobilizzazione in massa della frana comporterebbe l'ostruzione dell'alveo. [Localizzazione: Buona approssimazione]
  • Cause innesco: Elevati apporti idrici relativi alle precipitazioni del periodo precedente.
  • E' presente documentazione presso il Servizio Geologico, Sismico e dei Suoli.
4. Evento del 1991
  • Data: 07/05/1991  [giorno certo]
  • Descrizione:
    Riattivazione della frana per una lunghezza di 750 metri e un fronte di 300 m, che ha provocato il restringimento del Torrente Rossenna e l?interruzione delle due strade comunali Fondovalle Rossenna e Delle Coste. Dopo le abbondanti piogge dei giorni 13-16 il movimento giunge ad interessare l'alveo del Rossenna [Localizzazione: Verificata da documentazione tecnica]
  • Dimensioni del fenomeno: Lunghezza circa 750m, larghezza circa 250m; interessati 15.5 ettari
  • E' presente documentazione presso il Servizio Geologico, Sismico e dei Suoli.
3. Evento del 1984
  • Data: Luglio 1984  [precisione mensile]
  • Descrizione:
    Mulino di Minello. Versante destro del T. Rossenna, impluvio del Fosso Moranda, sviluppato nel pendio sottostante l'insediamento Le Coste. Rimobilizzazione in massa del corpo di frana presente lungo l'impluvio del Fosso Moranda. Il movimento interessa un esteso tratto del versante, a partire da quota 600 m slm circa, sottostante l'insediamento Le Coste. Frana attiva estesa sino all'alveo del T. Rossenna. Sconvolgimento assetto morfologico dell'asta drenante e del bacino, con formazione di contropendenze e zone di ristagno idrico. Ostruzione delle linee di drenaggio. Alterazione dei deflussi idrici superficiali e sotterranei. [Localizzazione: Buona approssimazione]
  • Cause innesco: Elevati apporti idrici relativi alle intense e prolungate precipitazioni del periodo 1-8 ottobre 1984.
  • Danni e interventi: Distruzione delle opere di sistemazione idraulica, drenaggio superficiale e di rimodellamento della superficie topografica in corso di esecuzione nel bacino e lungo l'asta del Fosso Moranda. Creazione di una rete drenante superficiale e sistemazione della frana
  • E' presente documentazione presso il Servizio Geologico, Sismico e dei Suoli.
2. Evento del 1955
  • Data: 1955  [indicazione dell'anno]
  • Descrizione:
    Mulino di Minello. Versante destro del T. Rossenna, impluvio del Fosso Moranda, sviluppato nel pendio sottostante l'insediamento Le Coste. Attorno all'anno 1955 si verifica una rimobilizzazione in massa del corpo di frana presente lungo l'impluvio del Fosso Moranda. Il movimento interessa un esteso tratto del versante, a partire da quota 600 m slm circa, sottostante l'insediamento Le Coste. Frana attiva estesa sino all'alveo del T. Rossenna. Sconvolgimento assetto morfologico dell'asta drenante e del bacino, con formazione di contropendenze e zone di ristagno idrico. Ostruzione delle linee di drenaggio. Alterazione dei deflussi idrici superficiali e sotterranei. Come evidenzia il confronto tra la cartografia IGM (1934) e la CTR (rilevata nel 1973), questa fase deformativa (relativa agli anni Cinquanta) comporta l'interruzione della continuità dell'asta principale del T. Moranda e l'individuazione di ampi tratti di versante privi di un reticolo di drenaggio efficente. Il settore inferiore della frana ostruisce l'alveo del T. Rossenna, determinando una rilevante deviazione dei deflussi verso la sponda opposta. [Localizzazione: Buona approssimazione]
  • Cause innesco: Elevati apporti idrici relativi alle precipitazioni del periodo precedente.
1. Evento del 1880
  • Data: 1880  [precisione pluriennale]
  • Descrizione:
    Mulino di Minello. Versante destro del T. Rossenna, impluvio del Fosso Moranda, sviluppato nel pendio sottostante l'insediamento Le Coste. Attorno all'anno 1880 si verifica una rimobilizzazione in massa del corpo di frana presente lungo l'impluvio del Fosso Moranda. Il movimento interessa un esteso tratto del versante, a partire da quota 600 m slm circa, sottostante l'insediamento Le Coste. Frana attiva estesa sino all'alveo del T. Rossenna. Sconvolgimento assetto morfologico dell'asta drenante e del bacino, con formazione di contropendenze e zone di ristagno idrico. Ostruzione delle linee di drenaggio. Alterazione dei deflussi idrici superficiali e sotterranei. Il settore inferiore della frana ostruisce l'alveo del T. Rossenna, determinando una rilevante deviazione dei deflussi verso la sponda opposta. [Localizzazione: Buona approssimazione]
  • Cause innesco: Elevati apporti idrici relativi alle precipitazioni del periodo precedente.