Logo ER

Archivio Storico delle Frane

L'archivio storico delle frane raccoglie informazioni sulle date di attivazione/riattivazione di frane con relativa localizzazione, in un intervallo di tempo che va dal Medioevo sino ad oggi.

Per ogni evento sono riportate, ove disponibili, informazioni relative alla tipologia della frana, alla sua dimensione, a eventuali effetti sul territorio.

Per il corretto utilizzo dei dati disponibili si invita alla lettura delle Condizioni di utilizzo dei dati

ID 202863

 

2 eventi di frana

Castellino delle Formiche

Inquadramento
  • Superficie totale: 7.68 ettari
  • Comune di GUIGLIA - Provincia di Modena
Carta inventario delle frane
  • Quadro di unione per il comune di GUIGLIA [PDF]
Localizzazione frana storica e Carta del dissesto

Glossario [pdf]
2. Evento del 1940
  • Data: 26 ottobre - 20 novembre 1940  [precisione mensile]
  • Descrizione:
    Strada comunale Samone - Castellino. L'attivazione di una frana sulla scarpata di monte interrompe il tracciato stradale. Nel settore superiore di una frana quiescente. [Localizzazione: Buona approssimazione]
  • Dimensioni del fenomeno: l = 38 m.
  • Cause innesco: Elevati apporti idrici relativi alle precipitazioni intense e prolungate dell'autunno 1940.
  • Danni e interventi: Ostruzione di circa 40 m e danneggiamento di un tratto di sede stradale. Il progetto prevedeva il ripristino del tratto di strada danneggiato e la costruzione di un muro di controriva. Importo previsto per i lavori compresi gli interventi sulla strada comunale per Gainazzo pari a £ 30.000.
  • E' presente documentazione presso il Servizio Geologico, Sismico e dei Suoli.
1. Evento del 1600
  • Data: XVII secolo  [precisione pluriennale]
  • Descrizione:
    Antica Chiesa parrocchiale di Castellino. L'attivazione di una frana in prossimità dell'abitato di Castellino, in passato denominato Castellino delle Formiche, interessa l'antica Chiesa di Santo Stefano. Frana attiva estesa sino all'alveo del Rio delle Vallecchie con affioramenti di depositi di versante s.l., a monte della zona di distacco. Il movimento si svolge all'interno di una linea secondaria di drenaggio. L'accumulo si riversa nell'alveo del corso d'acqua principale che risulta deviato verso la sponda opposta. Alterazione della morfologia dell'impluvio. Ostruzione delle linee di drenaggio. [Localizzazione: Buona approssimazione]