Logo ER

Archivio Storico delle Frane

L'archivio storico delle frane raccoglie informazioni sulle date di attivazione/riattivazione di frane con relativa localizzazione, in un intervallo di tempo che va dal Medioevo sino ad oggi.

Per ogni evento sono riportate, ove disponibili, informazioni relative alla tipologia della frana, alla sua dimensione, a eventuali effetti sul territorio.

Per il corretto utilizzo dei dati disponibili si invita alla lettura delle Condizioni di utilizzo dei dati

ID 204443

 

2 eventi di frana

Brocco (Serpiano - Castellino)

Inquadramento
  • Comune di RIOLUNATO - Provincia di Modena
Carta inventario delle frane
  • Quadro di unione per il comune di RIOLUNATO [PDF]
Localizzazione frana storica e Carta del dissesto

Glossario [pdf]
2. Evento del 1755
  • Data: 22/11/1755  [giorno certo]
  • Descrizione:
    Territorio dell'antico Comune di Brocco, paese distrutto da una frana verso il 1500, localizzato tra Castellino e Serpiano (GIGLI, 1727). Relativamente all'attivazione di una grande frana nel territorio di Brocco, GIGLI fornisce la seguente descrizione: il 22 novembre del 1755 "il molino del Perdè dei Gigli fu portato via da una enorme lavina mossa in tal giorno mentre macinava". [Localizzazione: Buona approssimazione]
  • Cause innesco: Elevata ricarica dei circuiti idrici sotterranei a seguito delle precipitazioni elevate e prolungate dell'autunno 1755.
  • E' presente documentazione presso il Servizio Geologico, Sismico e dei Suoli.
1. Evento del 1500
  • Data: XVI secolo (primi decenni)  [precisione pluriennale]
  • Descrizione:
    L'abitato di Brocco, ubicato tra Castellino e Serpiano, fu distrutto da una frana. 'antico Comune di Brocco si estendeva a cavallo degli attuali comuni di Riolunato e Lama Mocogno. Il suo territorio alla fine del Settecento comprendeva gli abitati (residui) di Castellino, Serpiano e Barigazzo. Il paese di Brocco venne distrutto all'inizio del secolo XVI. La sua Chiesa, San Geminiano di Brocco nominata nell'antico Catalogo delle Chiese Modenesi tra quelle di Pieve Pelago, fu trasferita alla Terra del Castellino e nel 1623 dichiarata Vicarìa perpetua. [Localizzazione: Buona approssimazione]
  • E' presente documentazione presso il Servizio Geologico, Sismico e dei Suoli.