Logo ER

Archivio Storico delle Frane

L'archivio storico delle frane raccoglie informazioni sulle date di attivazione/riattivazione di frane con relativa localizzazione, in un intervallo di tempo che va dal Medioevo sino ad oggi.

Per ogni evento sono riportate, ove disponibili, informazioni relative alla tipologia della frana, alla sua dimensione, a eventuali effetti sul territorio.

Per il corretto utilizzo dei dati disponibili si invita alla lettura delle Condizioni di utilizzo dei dati

ID 221349

 

5 eventi di frana

Cavecchia di San Martino Vallata Polinago Modena

Inquadramento
  • Superficie totale: 0.11 ettari
  • Comune di POLINAGO - Provincia di Modena
Carta inventario delle frane
  • Quadro di unione per il comune di POLINAGO [PDF]
Localizzazione frana storica e Carta del dissesto

Glossario [pdf]
5. Evento del 2013
  • Data: eventi piovosi del 9-12 marzo; 18-20 marzo; 29-31marzo; 4-7 aprile  [precisione bimestrale]
  • Descrizione:
    Parziale riattivazione di frana più estesa che ha parzialmente asportato la strada. Le case sovrastanti non presentano lesioni evidenti. [Localizzazione: Verificata da documentazione tecnica]
  • E' presente documentazione presso il Servizio Geologico, Sismico e dei Suoli.
4. Evento del 1966
  • Data: 4 nov 1966  [giorno certo]
  • Descrizione:
    Strada comunale Cà dei Rossi - Il Poggio - La Casellina, località Casa Orfeo. L'attivazione di una frana interessa il tracciato stradale da poco realizzato. Nel settore superiore di un'estesa frana quiescente. [Localizzazione: Buona approssimazione]
  • Dimensioni del fenomeno: l = circa 70 m.
  • Cause innesco: Elevata ricarica dei circuiti idrici sotterranei a seguito delle precipitazioni intense dell'ottobre - primi giorni novembre 1966.
3. Evento del 1960
  • Data: mag 1960  [precisione mensile]
  • Descrizione:
    L'attivazione di un movimento interessa la frazione San Martino. Estesa frana quiescente. [Localizzazione: Buona approssimazione]
  • Cause innesco: Precipitazioni elevate e prolungate dell'inverno-primavera 1959-1960, culminate nelle piogge dell'aprile 1960.
2. Evento del 1747
  • Data: Dicembre 1747  [precisione mensile]
  • Descrizione:
    Intero versante settentrionale del Monte San Martino, sino all'altezza di Cassano. La rimobilizzazione ed ampliamento della frana del 1746 interessa direttamente l'abitato di San Martino. L'edificio della chiesa crollato insieme a parte dell'abitato, viene ricostruito su un vicino colle ed aperto al culto nel maggio 1756 (corrisponde al sito attuale ?). Estesa frana quiescente. Sconvolgimento dell'assetto morfologico del versante, con ostruzione delle linee di drenaggio. Alterazione della circolazione idrica superficiale e sotterranea. [Localizzazione: Buona approssimazione]
  • Dimensioni del fenomeno: L = circa 3000 m circa.
  • Cause innesco: Lungo periodo di elevati apporti meteorici. Precipitazioni elevate ed intense caratterizzarono l'intero anno 1746 e gran parte del 1747, in particolare i mesi autunnali, quando determinarono piene e gravi esondazioni dei Fiumi Po, Adige e Brenta nella pianura padano-veneta (in SANTI, 1897).
1. Evento del 1746
  • Data: Dicembre 1746  [precisione mensile]
  • Descrizione:
    Intero versante settentrionale del Monte San Martino, sino all'altezza di Cassano. L'attivazione di una grande frana coinvolge l'abitato di San Martino, all'epoca denominato Vallata. Estesa frana quiescente. Sconvolgimento dell'assetto morfologico del versante, con ostruzione delle linee di drenaggio. Alterazione della circolazione idrica superficiale e sotterranea. [Localizzazione: Buona approssimazione]
  • Dimensioni del fenomeno: L = circa 3000 m circa.
  • Cause innesco: Precipitazioni elevate relative all'intero anno (SANTI, 1897).