Geologia, sismica e suoli

I Geositi dell'Emilia-Romagna

Approfondimento

Formazione Marnoso Arenacea
Formazione Marnoso Arenacea
Formazione Marnoso Arenacea
Formazione Marnoso Arenacea

Nell'Appennino romagnolo affiora estesamente una formazione geologica chiamata, per la sua composizione, Marnoso - Arenacea. Gli strati che la formano, un'alternanza ritmica di arenarie e marne, si depositarono su fondali profondi (ambienti di piana bacinale) durante il Miocene (tra il Burdigaliano superiore e il Tortoniano superiore). In questo periodo il sollevamento dell' Appennino era gi iniziato ma la catena montuosa ancora non emergeva dal mare e al suo fronte, verso NE si era venuto a creare un bacino marino strett o e profondo, allungato sino ai piedi delle Alpi. Qui, per un lungo periodo, la sedimentazione fu dominata dal sopraggiungere di correnti sottomarine improvvise e violente , dette correnti di torbida, in grado di trasportare enormi volumi di detriti sabbio si e argillosi in un tempo geologicamente istantaneo. Ogni strato che si osserva rappresenta quindi il prodotto di questo processo di trasporto e sedimentazione ed generalmente costituito da una 'coppia' di rocce diverse: alla base il detrito grossolano, sabbioso, forma un letto di arenarie, mentre verso l'alto il sedimento pi fine, argilloso, forma un letto di marne. Le rocce derivate da questo tipo di sedimentazione sono chiamate torbiditi. Molti dei granuli sabbiosi della Marnoso Arenacea derivavano dall'erosione di rocce alpine, testimoniando che queste montagne erano gi emerse dal mare ed erano solcate da fiumi che finivano nello stesso mare che bordava l'Appennino.

 

 

 

 
Strumenti personali

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it