Geologia, sismica e suoli

Doline della placca calcareo-arenacea di Zocca-Guiglia

1211   

Geosito di rilevanza locale - area carsica

La placca epiligure affiorante tra Zocca e Guiglia, costituita da litotipi calcareo-arenacei e marnosi che giacciono sulle argille delle UnitÓ Liguri, forma una struttura tabulare, scomposta da numerose faglie e fratture, e segnata da numerose morfologie carsiche e paracarsiche, che ne fanno l'area pi¨ ricca di cavitÓ nella provincia di Modena.

Geografia
  • Superficie totale: 74.38 ettari.
  • Quota altimetrica minima 479.4m. s.l.m., quota altimetrica massima 729.1m. s.l.m.
Perimetro geosito e Carta geologica
Perimetro geosito e Carta geologica
Descrizione

La "placca" epiligure, affiorante nell'intorno di Zocca e Guiglia, nel settore orientale dell'Appennino modenese, appare topograficamente rilevata rispetto al paesaggio circostante, caratterizzato dagli affioramenti delle formazioni argillose dei Complessi di base delle UnitÓ Liguri e ben esposti lungo la sponda destra della valle del Fiume Panaro.

Questo altopiano Ŕ prevalentemente costituito dai litotipi arenitici e marnosi della Formazione di Pantano e delle sottostanti Marne di Antognola, che formano strutture tabulari o solo debolmente deformate in sinclinali, scomposte in blocchi da numerose faglie e fratture, presenti soprattutto lungo il margine di placca, a contatto con le sottostanti formazioni argillose, e indotte da deformazioni conseguenti alle varie fasi tettoniche che hanno portato alla formazione della catena appenninica.

Il paesaggio Ŕ caratterizzato da forme dolci, di tipo relitto, riferibili a processi di modellamento non pi¨ attivi, determinatisi probabilmente in ambiente periglaciale, durante e subito dopo l'ultima glaciazione wŘrmiana.

Le forme carsiche e paracarsiche sono notevolmente sviluppate su tutta la 'zolla' e mostrano una gran varietÓ tipologica: doline di vario tipo (perlopi¨ piatto o a scodella), pozzi subverticali, inghiottitoi e ripari sotto roccia. Spesso sul loro fondo Ŕ presente materiale di decarbonatazione di colore ocraceo. Alcune doline drenano aree di notevole estensione, entro le quali si hanno dislivelli anche di 70-80 m.

Tuttavia, lo sviluppo di tali forme Ŕ solo parzialmente connesso alla dissoluzione del carbonato di calcio dei clasti e del cemento nelle areniti della Formazione di Pantano. In molti casi, infatti, si tratta di semplici pozzi, gullies (condotti verticali) e fenomeni di piping (erosione verticale, chiamati "camini"), che si iimpostano lungo le fratture meccaniche (che conferiscono loro una forma fortemente ellittica) sul margine di placca e ampliate dal distacco di una grande frana rotazionale che interessa anche le sottostanti formazioni argillose basali. In molti casi, pertanto, si tratterebbe di processi che determinano forme solo all'apparenza di tipo carsico, e pertanto pi¨ propriamente definibili di tipo pseudocarsico. Diversamente si tratta di fenomeni di tipo "paracarsico", ovvero di un carsismo attenuato, in relazione al contenuto relativamente scarso di carbonati in queste areniti.

Le acque meteoriche infiltrate in corrispondenza delle doline delle Serre di Samone sono restituite da due sorgenti captate, lungo la strada di Gainazzo; altre sorgenti dello stesso tipo sono quelle di Ca' Nicoletto e Ca' Alessandrini.

In queste cavitÓ Ŕ stata descritta un'abbondante fauna, tra la quale una specie endemica, il coleottero Duvalius Malavolti (Moscardini, 1956). Il paesaggio Ŕ particolarmente ameno, grazie al pregio architettonico di molti edifici rurali ed allo stesso "paesaggio agrario", contrassegnato da seminativi semplici con prati e frequenti filari di ciliegi, di particolare bellezza durante la fioritura.

Il geosito Ŕ in parte compreso all'interno di una pi¨ ampia area dichiarata (D.G.R. 258/2016) di notevole interesse pubblico paesaggistico ai sensi del Codice dei Beni culturali e del paesaggio (art.136 del Decreto Legislativo n. 42/2004).
Altre informazioni sul geosito
Interessi geoscientifici: Carsico epigeo - Geomorfologico;
Geotipi presenti: CavitÓ naturale - Dolina;
Interessi contestuali: Paesaggistico;
Valenze: Scientifico - Divulgativo;
Tutela: giÓ in atto;
AccessibilitÓ: molto facile;
Mappa di inquadramento e rete escursionistica regionale
 Doppio click per avvicinare la mappa, click + sposta per muoverla
Geositi vicini
Bibliografia
"Rapporti tra strutture tettoniche, fenomeni gravitativi e morfosculture di tipo carsico nella zona di Pavullo nel Frignano (Appennino modenese)." - CAPITANI M. & GIBERTINI M. [1995] Atti Soc. Nat. Mat. Modena, 125 (1994), 77-95.
"Analisi di facies e stratigrafia sequenziale della Formazione di Bismantova ad est del Fiume Panaro ("placca" di Zocca-Montese, Appennino Modenese)" - Amorosi A. [1990] Giornale di Geologia, 52/1-2, 159-177, Bologna
"Geomorfologia del territorio di Pavullo nel Frignano (Appennino Modenese)." - PANIZZA M. & MANTOVANI F. [1975] Atti Soc. Nat. Mat. Modena, 105, 85-117.
"Fenomeni carsici nei calcari del Miocene medio emiliano." - MALAVOLTI F. [1943] Atti Soc. Nat. Mat. Modena, 74, 238-254
Avvertenze

I contenuti informativi presenti in queste pagine non forniscono indicazioni sulla sicurezza dei luoghi descritti o, in generale, sulla loro accessibilitÓ in condizioni di sicurezza. I geositi hanno valore geoscientifico e/o paesaggistico e sono spesso accessibili solo da una utenza esperta, adeguatamente attrezzata. La visita a questi luoghi deve avvenire rivolgendosi a guide escursionistiche abilitate e si consiglia pertanto di informarsi puntualmente prima di accedervi, consapevoli dei rischi cui ci si espone.

La Regione si solleva al proposito da qualunque responsabilitÓ.

 
 
 
Strumenti personali

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it