Geologia, sismica e suoli

Monte La Fratta

1624   

Geosito di rilevanza locale

Affioramento spettacolare lungo il crinale tra il Monte della Fratta e Poggio Montironi che espone una parte della successione della Formazione Marnoso-Arenacea dove affiorano le colombine stratigraficamente più alte.

Monte La Fratta
Monte La Fratta
Monte La Fratta
Geografia
  • Superficie totale: 29.57 ettari.
  • Quota altimetrica minima 811.8m. s.l.m., quota altimetrica massima 1081m. s.l.m.
Perimetro geosito e Carta geologica
Perimetro geosito e Carta geologica
Descrizione

Affioramento spettacolare lungo il crinale tra il Monte della Fratta e Poggio Montironi che espone una parte della successione della Formazione Marnoso-Arenacea dove affiorano le colombine stratigraficamente più alte (colombina della Fratta, di Montellero, di Teravento). Presso il Monte la Fratta si trovano anche affioramenti di interesse sedimentologico, con controimpronte di fondo molto significative.

Nella guida della S.G.I. viene segnalata in prossimità del vicino Monte Guffone la possibilità di apprezzare la "migliore esposizione in assoluto" della sinclinale al piede della linea di San Benedetto in Alpe, il cui andamento è evidenziato da alcune colombine.

Il sito si osserva bene da Mandrioli di Sotto con un binocolo.

Altre informazioni sul geosito
Interessi geoscientifici: Stratigrafico;
Geotipi presenti: Strato giuida - Successione stratigrafica;
Interessi contestuali: Paesaggistico;
Valenze: Scientifico - Divulgativo;
Tutela: già in atto;
Accessibilità: facile;
Mappa di inquadramento e rete escursionistica regionale
 Doppio click per avvicinare la mappa, click + sposta per muoverla
Geositi vicini
Bibliografia
"La geologia del Foglio 265 - S. Piero in Bagno (Appennino Settentrionale)" - Martelli L. [1994] "La Cartografia Geologica della Regione Emilia Romagna". Archivio Cartografico Regione Emilia-Romagna, Bologna.
"The structure of the high romagna Appennines. 1° European congress on regional geological cartography and information system - Post Cngress field trip." - Martelli L., Ricci Lucchi F. [1994] "La Cartografia Geologica della Regione Emilia Romagna". Archivio Cartografico Regione Emilia-Romagna, Bologna.
"Appennino Tosco Emiliano. Collana: Guide Geologiche Regionali, a cura della Società Geologica Italiana, coordinatore del volume Valerio Bortolotti." - AA. VV. [1992] BE-MA Editrice, Firenze.
Avvertenze

I contenuti informativi presenti in queste pagine non forniscono indicazioni sulla sicurezza dei luoghi descritti o, in generale, sulla loro accessibilità in condizioni di sicurezza. I geositi hanno valore geoscientifico e/o paesaggistico e sono spesso accessibili solo da una utenza esperta, adeguatamente attrezzata. La visita a questi luoghi deve avvenire rivolgendosi a guide escursionistiche abilitate e si consiglia pertanto di informarsi puntualmente prima di accedervi, consapevoli dei rischi cui ci si espone.

La Regione si solleva al proposito da qualunque responsabilità.

 
 
 
Strumenti personali

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it