Geologia, sismica e suoli

Pareti orientali Corno alle Scale e M. Nuda

178   

Monte Corno alle Scale, Monte Nuda, Balzo dell'Ora, Punta Sofia

Geosito di rilevanza regionale

Spettacolare settore della testata del torrente Silla, tra me cime tra la Nuda, il Corno alle Scale, il Monte Gennaio dove si osservano numerosi e spettacolari affioramenti di interesse stratigrafico e strutturale e una peculiare morfologia erosiva.

Il Corno alle Scale - Foto Archivio Servizio Geologico
Il Corno alle Scale - Foto Archivio Servizio Geologico
Il Corno alle Scale - Foto Archivio Servizio Geologico
Il Corno alle Scale - Foto Archivio Servizio Geologico
Il Corno alle Scale - Foto Archivio Servizio Geologico
Il Corno alle Scale - Foto Archivio Servizio Geologico
Pareti orientali Corno alle Scale e M. Nuda - Archivio fotografico Delfino Insolera, cortesia di Istituto per i beni artistici culturali e naturali E-R
Pareti orientali Corno alle Scale e M. Nuda - Archivio fotografico Delfino Insolera, cortesia di Istituto per i beni artistici culturali e naturali E-R
Pareti orientali Corno alle Scale e M. Nuda - Archivio fotografico Delfino Insolera, cortesia di Istituto per i beni artistici culturali e naturali E-R
Geografia
  • Superficie totale: 291.9 ettari.
  • Quota altimetrica minima 969.3m. s.l.m., quota altimetrica massima 1938.6m. s.l.m.
Perimetro geosito e Carta geologica
Perimetro geosito e Carta geologica
Descrizione

La parete orientale del Corno alle Scale, assieme a quella del Monte Nuda, sono tra le più imponenti e spettacolari di tutto l'Appennino emiliano.

Le cosiddette "Scale", ossia le regolari stratificazioni arenacee che disegnano questa parete, costituiscono l'elemento paesaggistico-geologico che segna questo esteso sito.

L'aspro versante è solcato da numerosi fossi che hanno originato una successione di creste e vallecole lungo le quali si gettano le acque provenienti dai "gradini" più alti, dove scivolano rapide sulle lisce balze rocciose.

I fossi delle Naspe, di Mezzo e della Rodichiaia si dispongono a ventaglio sotto alle cime del Corno alle Scale e de La Nuda, convergendo alla base delle "Scale " per unirsi al Fosso della Capannaccia, che scende dal passo del Cancellino, e formare uno dei rami iniziali del Silla, il rio del Casellino. Tana Malia è il nome di una delle forre più nascoste e inaccessibili, meta di escursioni alpinistiche, dove le acque precipitano con cadute di oltre 30 m. Circa 1.000 m di scoscese pendici e balze arenacee separano Segavecchia dalle tre sommità del Corno (punta Sofia 1939 m, sormontata dalla grande croce, Corno alle Scale 1944 m e Punta Giorgina 1927 m).

Altre informazioni sul geosito
Interessi geoscientifici: Stratigrafico - Geomorfologico - Strutturale;
Geotipi presenti: Accavallamento - Gola (Canyon) - Passaggio stratigrafico;
Interessi contestuali: Paesaggistico - Botanico [tra le fioriture più rare e delicate della montagna Stazioni di Geranio argenteo, Sassifraga a foglie opposte, l'Anemone a fiori di narciso, la Primula orecchia d'orso];
Valenze: Scientifico - Divulgativo - Escursionistico [Un ardito sentiero alpinistico, in parte ferrato, affronta la parete in posizione quasi centrale salendo la più pronunciata delle creste, il Poggio di Mezzo, mentre altri sentieri permettono di accostarvisi lateralmente e di ammirarne le cenge impervie e instabili di queste pareti.] - Geoturistico [Numerose possibilità recettive nell'area];
Tutela: già in atto;
Accessibilità: facile;
Mappa di inquadramento e rete escursionistica regionale
 Doppio click per avvicinare la mappa, click + sposta per muoverla
Geositi vicini
Avvertenze

I contenuti informativi presenti in queste pagine non forniscono indicazioni sulla sicurezza dei luoghi descritti o, in generale, sulla loro accessibilità in condizioni di sicurezza. I geositi hanno valore geoscientifico e/o paesaggistico e sono spesso accessibili solo da una utenza esperta, adeguatamente attrezzata. La visita a questi luoghi deve avvenire rivolgendosi a guide escursionistiche abilitate e si consiglia pertanto di informarsi puntualmente prima di accedervi, consapevoli dei rischi cui ci si espone.

La Regione si solleva al proposito da qualunque responsabilità.

 
 
 
Strumenti personali

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it