Geologia, sismica e suoli

Gessi di Castel de' Britti

49   

Geosito di rilevanza locale - area carsica

Lembo gessoso interessato da modesti fenomeni carsici. Sino a oggi sono note 10 cavitÓ minori e una grotta principale, denominata Risorgente di Castel de' Britti, che si apre ai piedi della rupe.

Geografia
  • Superficie totale: 17.96 ettari.
  • Quota altimetrica minima 112.1m. s.l.m., quota altimetrica massima 204m. s.l.m.
Perimetro geosito e Carta geologica
Perimetro geosito e Carta geologica
Descrizione

La rupe selenitica sulla quale sorge l'antico borgo di Castel de' Britti offre l'opportunitÓ di osservare alcune peculiaritÓ legate alla roccia gessosa, la cui struttura cristallina risalta negli affioramenti che circondano il piazzale antistante la chiesa di San Biagio.

Nell'area compresa tra la chiesa e via Piombarola si trovano due doline e due piccole valli cieche, che rappresentano i punti di assorbimento pi¨ importanti di un piccolo sistema carsico sotterraneo. Sino a oggi sono note 10 cavitÓ minori e una grotta principale, denominata Risorgente di Castel de' Britti, che si apre ai piedi della rupe. All'interno della cavitÓ, che ha una lunghezza di oltre 200 m, scorre un rio sotterraneo che si attiva tumultuosamente durante i periodi piovosi. Il ritrovamento di una stazione dell'etÓ del Bronzo testimonia che la localitÓ Ŕ stata frequentata sin dalla preistoria. Accanto alla chiesa spicca il portale dell'antico castello che, sorto nell'alto medioevo in posizione strategica sulla valle dell'Idice e la pianura, venne pi¨ volte distrutto e ricostruito per decadere definitivamente dopo il secolo XV.

Il geosito Ŕ compreso all'interno di una pi¨ ampia area dichiarata (D.G.R. 258/2016) di notevole interesse pubblico paesaggistico ai sensi del Codice dei Beni culturali e del paesaggio (art.136 del Decreto Legislativo n. 42/2004).
Altre informazioni sul geosito
Interessi geoscientifici: Geomorfologico - Carsico epigeo - Carsico ipogeo - Idrogeologico;
Geotipi presenti: CavitÓ naturale - Dolina - Inghiottitoio - Rupe;
Interessi contestuali: Archeologico [Il ritrovamento di una stazione dell'etÓ del Bronzo testimonia che la localitÓ Ŕ stata frequentata sin dalla preistoria.] - Architettonico [Accanto alla chiesa spicca il portale dell'antico castello che, sorto nell'alto medioevo in posizione strategica sulla valle dell'Idice e la pianura, venne pi¨ volte distrutto e ricostruito per decadere definitivamente dopo il secolo XV.];
Valenze: Divulgativo;
Tutela: giÓ in atto;
AccessibilitÓ: facile;
Mappa di inquadramento e rete escursionistica regionale
 Doppio click per avvicinare la mappa, click + sposta per muoverla
Geositi vicini
Bibliografia
"Le grotte del Bolognese" - Fantini M. [1932] Bologna.
Avvertenze

I contenuti informativi presenti in queste pagine non forniscono indicazioni sulla sicurezza dei luoghi descritti o, in generale, sulla loro accessibilitÓ in condizioni di sicurezza. I geositi hanno valore geoscientifico e/o paesaggistico e sono spesso accessibili solo da una utenza esperta, adeguatamente attrezzata. La visita a questi luoghi deve avvenire rivolgendosi a guide escursionistiche abilitate e si consiglia pertanto di informarsi puntualmente prima di accedervi, consapevoli dei rischi cui ci si espone.

La Regione si solleva al proposito da qualunque responsabilitÓ.

 
 
 
Strumenti personali

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it